Primo Piano

Decreto sicurezza: Il sindaco di Rapallo sta con Salvini e invita Orlando a fare marcia indietro

Carlo Bagnasco "Primo dovere dei Sindaci far rispettare ed applicare le leggi dello Stato"

Rapallo – “Fare il Sindaco non è certo una pacchia, è molto difficile, di grande impegno, di grande responsabilità ed equilibrio”. – Carlo Bagnasco, sindaco di Rapallo il giorno dopo la decisione del primo cittadino di Palermo Leoluca Orlando di sfidare Matteo Salvini sul decreto sicurezza dando ordine agli uffici comunali di non applicare alcuna norma della nuova legge ritenute discriminatorie, ha deciso di chiamare al proprio dovere i colleghi.

“Non posso non sollevare forti perplessità per l’atteggiamento di alcuni sindaci – ha detto –  mi sembra superfluo ricordare che il primo dovere di ogni “primo cittadino”, dalle grandi Città ai piccoli Comuni, sia quello di far rispettare ed applicare le leggi dello Stato”. Carlo Bagnasco, sindaco di Rapallo e membro della direzione nazionale Anci dunque ha preso posizione a sostegno del governo in attesa del chiarimento tra Orlando e Salvini che, con ogni probabilità, avverrà nelle aule di un tribunale. L’articolo della discordia,  in particolare su cui è nata la «disobbedienza» di Orlando è quello che impedisce di concedere la residenza ai richiedenti asilo in possesso di un regolare permesso di soggiorno, cosa che di fatto escluderebbe i migranti da tutta una serie di prestazioni sociali.

FEDERICA BOSCO

 

Categorie
Primo PianoSocietà & Politica

Lascia una risposta

*

*