Associazioni & Non profit

PLASMA E ALTRI MISTERI

Di Tundra Parisi

Va a finire che dobbiamo pensare questo Covid-19 ci stia anche, e inaspettatamente, regalando qualcosa. Il re è nudo, e lo è in così tanti modi diversi. 

Le romantiche convinzioni degli ultras europeisti si sono frantumate sugli scogli della realtà, sospinte dallo tsunami dell’emergenza. 

E così via anche le balle di Conte e le studiate pause di suspence che inserisce durante le sue dirette Facebook, prima di pronunciare fantasmagoriche cifre destinate a stonare miseramente con la realtà dei nostri imprenditori. Imprenditori disperati che tentano di far sentire la propria voce nei lugubri salotti dei talk-show.

E giunge, poi, un’altra curiosa scoperta: in Italia non frega nulla a nessuno di una cura efficace e quasi gratuita, che vanterebbe un tasso di mortalità zero e che si somministra con appena 200 ml di plasma. Eppure fuori da questo Paese, al resto del mondo questa cura interessa eccome. Ne è prova il fatto che il Dottor Giuseppe De Donno abbia ricevuto una sequela di telefonate da illustri personaggi che vorrebbero ingaggiarlo all’estero. Invece qui gli facciamo perdere la pazienza, a tratti persino denigrandolo, sottolineando che questo tipo di cura esisteva già ed era già stato utilizzato durante la Spagnola un secolo fa. Tralasciando e svilendo il fatto che qualcuno ci sta offrendo un protocollo innovativo che potrebbe introdurre una efficace cura al Covid19.
Il Dottor De Donno ha parlato di questo metodo come di “una cura democratica: il popolo che cura il popolo”. Quale miglior definizione per far venire un attacco di nervi ai soliti noti?
Burioni l’ha definita “una cura costosa”. Curiosamente, quando è gli stato chiesto quali aziende farmaceutiche compaiano sulla sua lista finanziatori ha preferito non rispondere e serbare per sé l’informazione. 

Forse che in Italia buona parte della stampa si preoccupi più di non indispettire i magnati della farmaceutica, piuttosto che di evidenziare le potenzialità di una cura innovativa che possa ridare speranza a milioni di italiani? 

Ci auguriamo che presto la notizia abbia la risonanza che merita.

Nel frattempo un vivo ringraziamento al Dottor De Donno per aver scelto di rimanere in Italia a lottare contro un sistema malato.

Categorie
Associazioni & Non profitPsicologia & Benessere

Lascia una risposta

*

*